Vedi tutti i 0 hotel > Hotel a San Mauro Mare scelti per te:
    Hotel in altri comuni:
Richiedi un hotel a San Mauro Mare:

Eventi a San Mauro Mare
Scarica la guida turistica pocket su San Mauro Mare

L'unica scritta grazie al contributo di turisti e viaggatori come te

Conosci San Mauro Mare meglio di noi?

Scrivici un contributo, se verrà approvato lo pubblicheremo nella nostra guida menzionando il tuo nome e se vuoi anche il tuo sito o profilo Facebook!

OFFERTE E LAST MINUTE PER LA TUA VACANZA IN RIVIERA

San Mauro Mare - Raccolto e tranquillo centro balneare
Frazione del comune di San Mauro Pascoli, San Mauro Mare è un centro balneare raccolto e tranquillo.

San Mauro Mare - Oltre a spiagge ed hotel

La guida su San Mauro Mare per scoprire storia, attrazioni, consigli e curiosità che pochi conoscono.

Le più belle spiagge di San Mauro Mare

 

La località ideale per le famiglie che vogliono trascorre un soggiorno all’insegna del relax, grazie all’ampia e moderna offerta di alberghi, appartamenti, stabilimenti balneari, infrastrutture sportive e aree verdi.

I bambini e i loro genitori possono godersi in tutta tranquillità e sicurezza i 700 metri di spiaggia dalla sabbia finissima che digrada dolcemente verso il mare. Nel 2011 la località di San Mauro mare è stata insignita per il quarto anno consecutivo del riconoscimento della Bandiera Blu. Nessun problema poi per chi volesse trascorre le vacanze in compagnia del proprio cane: nel 2002, infatti, a San Mauro è stata aperta la spiaggia “Fido Beach”, che offre appositi servizi per gli amici a quattro zampe.

 

San Mauro: un passato che pochi conoscono 

La località balneare di San Mauro Mare risale ai primi anni del dopoguerra, ma ben più antiche sono le origini del comune San Mauro Pascoli, che sorge a circa 7 kilometri dalla costa, in un territorio completamente pianeggiante.

Bisogna, infatti, andare indietro alla fine del XII secolo, precisamente al 1191, per ritrovare le prime tracce della storia di San Mauro. In un documento dell’epoca ci si riferisce al paese come a “Fundum Sancti Mauri”. Quasi due secoli più tardi, nel 1371, il nome cambiò in "Villa Sancti Mauri". Le origini del nome provengono da una chiesa dedicata all'omonimo vescovo di Cesena.

Nel 1378, San Mauro era parte del territorio di Savignano. In seguito, la famiglia Malatesta ne assunse il controllo e più tardi Papa Pio II lo conferì agli Zampeschi. La zona conobbe diversi padroni fino a che, nel 1590, fu assegnata alla Camera Apostolica. Verso la fine del 1600, San Mauro tornò sotto la giurisdizione di Savignano e solo più di due secoli dopo, nel 1827, fu nominato comune autonomo.

Risale a questo periodo la costruzione di una delle più incantevoli tenute della Romagna, “La Torre”. La sua edificazione, commissionata dai principi Torlonia, cominciò nel secolo XVIII e si concluse soltanto a metà del XIX. Nel 1932 San Mauro di Romagna cambiò nome in "San Mauro Pascoli", in onore del poeta Giovanni Pascoli, che proprio qui era nato il 31 dicembre 1855.

Sebbene la distruzione della seconda guerra mondiale avesse praticamente raso al suolo San Mauro, i suoi cittadini la ricostruirono rapidamente, trasformandola presto in un centro agricolo e calzaturiero di primo livello, capace di esportare prodotti in tutto il mondo. Durante gli anni del boom economico infatti, sorsero imprese specializzate nei semilavorati collegati a calzaturifici e, ancora oggi, San Mauro è sede di alcuni fra i principali marchi dell’alta moda, come Pollini, Casadei, ecc.

 

San Mauro: i luoghi da non perdere

Villa Torlonia “La Torre”
'La Torre' è situata all'estremo limite di San Mauro, al centro di quelli che furono i possedimenti rurali di proprietà dei Torlonia, un tempo amministrati dal padre di Giovanni Pascoli. Furono proprio questi i luoghi della dolorosa maturazione della poesia pascoliana. Qui infatti il piccolo Giovanni vide tornare il 10 agosto 1867 la fedele 'cavallina storna' che riportava verso casa il padre, assassinato da sconosciuti al rientro dal mercato di Cesena. La famiglia Pascoli dovette a quel punto lasciare la fattoria Torlonia e tornare nella casa natale al centro del paese.

 

Nel 1974 il Ministero della pubblica istruzione ha dichiarato il manufatto di particolare interesse storico, sottoponendolo a tutela, come caratteristico (e ormai raro) esempio di villa romagnola del XVII/XVIII secolo,

                         '...per il singolare impianto planimetrico della costruzione principale,
                         lo splendido portone settecentesco...e la torre che sottolinea l'ingresso
                         principale del complesso...'.


Ai lati dell'edificio principale sorgono due costruzioni minori: una serviva come abitazione del fattore (e quindi della famiglia Pascoli dal 1862 al 1867), come magazzino e ricovero per gli attrezzi; l'altra, sul lato opposto, è una chiesetta ottocentesca, rimasta intatta, dove ancora si celebrano messe. Nella parte posteriore, si trovano invece le scuderie e le stalle.


Con i Torlonia la Torre era diventata un'azienda agricola modello e continuò a prosperare fino alla fine della seconda guerra mondiale. Tuttavia, alla morte di don Giovanni Torlonia, i nipoti decisero di vendere la proprietà e proprio per questo, nei primi anni '50, la proprietà fu teatro di grandi lotte contadine, volte a impedire che la tenuta venisse smembrata. I poderi vennero infine acquistati da singoli e l'edificio passò a privati che ne fecero un uso così degradante da ridurre il complesso in uno stato di grave rovina.
Finalmente acquistato dall'Amministrazione Comunale, è attualmente in fase di restauro.

Cappella della Madonna dell’Acqua

Nel centro del paese, questa chiesetta, che ospita oggi due lapidi dedicate ai Caduti, vanta origini ultracentenarie. Sembra infatti che sia stata costruita nel 1616, per conto del Vicario Vescovo di Rimini. Danneggiata dai bombardamenti durante la seconda guerra mondiale, fu poi ricostruita.
Giovanni Pascoli amò molto questo luogo. Nel maggio 1897 scriveva, infatti, agli amici sammauresi:

                         '...e l'ospite saluterà commosso il mio mondo ideale che
                         ha per confini il Luso e il Rio Salto e per centro la chiesuola

                         della Madonna dell'Acqua e il camposanto fosco di cipressi...'.


Ex chiesa di San Sebastiano

E' una minuscola costruzione situata nel cuore del centro di San Mauro, di fronte al Palazzo Municipale. L'edificio, risalente alla seconda metà del XVIII secolo, svolgeva in origine funzioni di chiesetta-oratorio per il vicino convento delle Orsoline. Oggi, completamente restaurato, è utilizzato come sala mostre.

Mausoleo della Famiglia Pascoli
Nel Mausoleo, situato all'interno del recinto del cimitero, sono sepolti i componenti della famiglia Pascoli, mentre il poeta e la sorella Maria sono sepolti a Castelvecchio Barga (LU).
Villa Torlonia “La Torre”, Cappella della Madonna dell’Acqua e Mausoleo della Famiglia Pascoli

Palazzo municipale
Palazzo settecentesco acquistato nel 1874, dopo essere stato confiscato al Papato in seguito all'unità d'Italia. Originariamente vi alloggiavano le Celibate Orsoline di Rimini nel periodo estivo.
L'interno è visitabile negli orari di apertura degli uffici comunali.

 

Museo Casa Pascoli

La Casa Pascoli è monumento nazionale dal 1924. Qui nacque e trascorse i primi anni dell’infanzia il poeta Giovanni Pascoli. La famiglia, dopo aver vissuto per un breve periodo nella tenuta Torlonia, vi fece ritorno in seguito alla morte del padre, ma in seguito ad altre disgrazie fu costretta a venderla. Il poeta rimase sempre molto legato a questa casa, dove visse gli anni della giovinezza. Distrutta durante la seconda guerra mondiale (solo la cucina era rimasta intatta), fu ricostruita rispettando la struttura originale e trasformata in piccolo museo domestico. All'interno, oltre alla cucina, si possono osservare la camera da letto, con la vecchissima culla di legno, e lo studio dove ancora oggi si conservano, racchiuse in bacheche, edizioni rare di alcune opere del poeta e numerose sue lettere autografe inviate agli amici sammauresi.

La cucina di Pascoli
Unica stanza rimasta intatta, si presenta al visitatore così com'era durante l'infanzia del poeta.
Conserva infatti l'antica travatura in legno del soffitto, il grande focolare domestico e l'acquaio in pietra. È inoltre arricchita con utensili e mobili d'epoca.

La camera di Pascoli
Al piano superiore della casa, si raggiunge percorrendo un ricco itinerario fotografico, che documenta i momenti più importanti della vita del poeta (i luoghi della memoria, la famiglia, la carriera, le onoranze). Nella camera da letto, è conservata l'antica culla in legno del poeta. È possibile osservare anche una serie di sue lettere all'amico sammaurese Pietro Guidi (Pirozz), che documentano la volontà di Pascoli di riacquistare la sua "dolce casina".

Lo studio di Pascoli
Di fronte alla camera da letto si trova lo studio che Pascoli aveva a Bologna, quando, succeduto a Carducci, era Professore di letteratura italiana all'Università. In questa stanza si conservano preziosi documenti d'epoca, come le prime edizioni delle sue opere, che Pascoli era solito inviare in omaggio al Comune di San Mauro, con affettuose dediche autografe, i vocabolari usati dal poeta ed edizioni di quotidiani come "Il Resto del Carlino" del 7 aprile 1912, uscito immediatamente dopo la sua morte.

Il giardino di casa Pascoli
Nel giardino di Casa Pascoli, è possibile ammirare diverse specie botaniche che il poeta ricorda nei suoi versi: le rose rampicanti al muro, i giaggioli azzurri, la cedrina o il tronco del pioppo alto e slanciato, rievocato in "Romagna”.
Si organizzano visite guidate lungo un percorso poetico-botanico appositamente allestito affinché il visitatore possa ripercorrere, tra fiori e piante, i versi che il poeta dedicò alla casa natale.
Al centro del giardino, su un plinto di pietra calcarea, si trova il busto bronzeo dedicato al poeta.
Nel periodo estivo si organizzano all'interno del giardino manifestazioni letterarie.
Museo Casa Pascoli – San Mauro

 

San Mauro Mare… attività ed eventi

La Notte Rosa

Anche San Mauro Mare è tra le località coinvolte nel “Capodanno dell’estate italiana”. Addobbi e decorazioni rosa trasformano per l’occasione il lungomare e il piccolo centro. Concerti, spettacoli, animazione a tema e, per concludere, spettacoli pirotecnici allo scoccare della mezzanotte.

Fiera della Conchiglia
Organizzata lungo le vie del centro e sul lungomare durante il primo fine settimana di luglio, questa fiera trasforma San Mauro Mare in un borgo di conchiglie. Grazie a numerosi espositori che organizzano un vivace e colorato mercatino, si possono trovare conchiglie, minerali, fossili, prodotti d’artigianato ed erbe officinali.

I Love SMM
Spettacoli, eventi, mostre, concerti e raduni per rivivere i magici anni ’80.
Notte Rosa a San Mauro Mare

 

Famiglie e bambini a San Mauro Mare

Il mare di San Mauro, grazie alla bassa profondità delle sue acque, offre la possibilità di godere delle spiagge di sabbia finissima in tutta tranquillità, anche per i più piccini.

Inoltre, le campagne intorno al paesino rappresentano un’ imperdibile occasione per rilassanti passeggiate con la famiglia.

Parco Giochi Cavallino Rosso

I bimbi si divertiranno tra la pista di go-kart, il minigolf e i trampolini. Aperto da maggio a settembre.

 

San Mauro: musica, locali e divertimento

Pub Tequila Blues

Offre vari generi musicali. Vi si trova un fan club di Vinicio Caposella.

La Locanda dei Fattori
Per chi non vuole rinunciare alla più pura tradizione romagnola in fatto di cucina.
Le sale del ristorante, grazie all’attento restauro, rendono l’atmosfera unica e autenticamente semplice. Nel periodo estivo si può approfittare anche del portico esterno e dell’ampio parco circostante.

Agriturismo Il Guado
A due passi dalla “Torre”, immerso nel verde della campagna, offre tipici prodotti romagnoli.